fbpx
 

Scaling & root planing

Parodontologia e implantologia

Scaling & root planing

La pulizia sottogengivale o scaling and root planing consiste nella rimozione di placca e tartaro ( biofilm ) dalla zona sottostante al margine gengivale.

 

Si tratta di quello spazio, creato dalla malattia, che chiamiamo tasca.

 

Cosa facciamo?

 

Usando  l’ablatore, uno strumento ad ultrasuoni,  e strumenti a mano ,  courette e scaler, rimuoviamo placca e tartaro  dalla superficie dentale all’interno della tasca parodontale.

 

Perché lo facciamo ?

 

Erroneamente chiamata courettage , questa è una fase importantissima della cura della malattia parodontale (o piorrea), la fase causale, cioè quella che interviene per eliminare la principale causa della malattia.

 

Il modo che noi abbiamo di intendere questa fase della terapia prende in considerazione la sua multifattorialità.

 

Quindi è un approccio globale verso tutte le facce della malattia, comprese quelle che la legano ad altre patologie cui la piorrea è collegata.

 

Le tappe della terapia.

 

Quando durante la prima visita diagnostichiamo una forma più o meno grave di malattia parodontale,  consigliamo al nostro nuovo paziente un percorso di  una serie di sedute.

 

Da un minimo di tre ad un massimo di 7-8, a seconda della gravità della malattia.

 

Perché lo facciamo così ?

 

  • per spiegare nel dettaglio cosa è la malattia da cui è affetto.
  • quindi renderlo consapevole di quali rischi comporta per la salute orale oltre che per quella generale.
  • per descrivere nei dettagli cosa faremo durante queste sedute.
  • quindi insegnargli ad usare correttamente gli strumenti di igiene. I più adatti alla sua particolare situazione dentale e gengivale.
  • soprattutto rimuovere meccanicamente tutti i residui di biofilm e tartaro adesi alle superfici dei denti e delle radici.
  • comporre un quadro di radiografie oltre che di fotografie completo.
  • verificare quindi che abbia imparato ad usare efficacemente gli strumenti di igiene.
  • controllare gli effetti della nostra terapia.
  • quindi stabilire un intervallo di tempo da rispettare per le successive sedute di richiamo.
  • compilare una “cartella parodontale”, una mappa dei valori di sondaggio, recessioni gengivali e sanguinamento al sondaggio.

 

L’igienista è l’operatore che svolge le fasi della terapia, oltre che l’odontoiatra quando è necessario l’uso di anestesia.

 

Gli strumenti che utilizziamo.

 

  • punte ad ultrasuoni.
  • scaler e courette.
  • laser.
  • gel antisettici.
  • paste lucidanti.
  • striscette abrasive.
  • spray di soluzioni di polveri e glicina.

 

Dopo l’ultima seduta programmata, l’igienista “riconsegna” il paziente al parodontologo che valuterà quindi i risultati ottenuti e l’eventuale necessità di ulteriori terapie.

 

Per scoprire di più su di noi visita la nostra pagina facebook

Vuoi chiedere un consiglio

sulla tua salute dentale?